mercoledì 6 luglio 2022

Un aforisma al giorno.

Dunque, l’accusa contro le principali conclusioni del materialista è che, giuste o sbagliate, distruggono gradualmente la sua umanità; non intendo solo la sua gentilezza, intendo dire la speranza, il coraggio, la poesia, l’iniziativa: tutto ciò che è umano. Per esempio, quando il materialismo porta gli uomini al completo fatalismo (come fa generalmente), è alquanto vano pretendere che sia una forza in qualche maniera liberatrice.

Gilbert Keith Chesterton, Ortodossia.

domenica 3 luglio 2022

Botta & Risposta…

Qui si fa strame di Schopenhauer…

Qui si combatte, lancia in resta!

Certamen Chestertonianum - Il dibattito inizia!

Un’avventura a testa in giù…

Abituarsi a non abituarsi… Rendersi conto che tutto poteva non esserci ed è stato strappato al nulla…


Annalisa Teggi

Ecco che significa stare a testa in giù.

Oggi a San Benedetto del Tronto c’è il Concorso Chesterton…

… lo organizziamo con la mitica Scuola Libera "Gilbert Keith Chesterton" da anni!

Guardate i ragazzi che hanno combinato!

Si sono messi a giocare all'altalena con Gilbert!

Insieme al Concorso Chesterton (che è per i ragazzi delle medie e delle elementari) quest'anno ci cimentiamo anche nel Certamen Chestertonianum! Una discussione, una vera gara di dialettica tra i ragazzi delle scuole superiori, alla maniera di Chesterton che era un campione.

Più tardi un po' di foto.

sabato 2 luglio 2022

Abbiamo comprato l'Illustrazione Vaticana con la traduzione di The Path to Rome di Belloc.

Tempo fa vi diedi notizia (qui e qui) dell'esistenza di una traduzione dell'epico The Path to Rome (La via di Roma) di Hilaire Belloc da parte di don Giuseppe De Luca (e per la verità anche della sorella di questi)*, precedente all'edizione, per me unica nota, uscita per i tipi della Cantagalli. La traduzione era del 1935 e uscì sulla rivista illustrata L'Illustrazione Vaticana.

Ecco, ora siamo riusciti a trovare quell'annata de L'Illustrazione Vaticana e ad acquistarla. Mi fa piacere darvene notizia perché essa entra a far parte della nostra piccola collezione di volumi e riviste inerenti Chesterton e Belloc. Piccola ma che si sta ingrandendo. Essa comprende, sinora, Alcuni numeri de Il Frontespizio, de La Ronda, L'Illustrazione Vaticana e un discreto numero di opere dei due nostri eroi in lingua originale, alcune delle quali in prima edizione.

Appena riusciremo ad abbozzare un minimo di catalogazione ve ne daremo notizia. Speriamo di trovare altre cose così belle. Nei prossimi giorni vorrei mostrarvi qualche foto della rivista ultima arrivata, tra l'altro in condizioni buone.

Marco Sermarini



Un'edizione di The Path to Rome.

* "Se avete in vista qualcosa dall'inglese e che non sia roba con la barba («di pensiero»), tienmi presente: faccio lavorare mia sorella. La versione del Belloc sull'Illustrazione Vaticana è sua (soltanto riveduta da me, ad verbum: porta la mia firma). Non mi far torto, dunque" (lettera di Giuseppe De Luca a Fausto Minelli, febbraio 1935, in Giuseppe De Luca, Fausto Minelli, Carteggio, volume 2, Edizioni di Storia e Letteratura).

Sì, Chesterton anche in Turchia. Mardin Life parla di Chesterton...

G. K. Chesterton kimdir? G. K. Chesterton kitapları ve sözleri

İngiliz yazar, filozof, ilahiyatçı, edebiyat ve sanat eleştirmeni G. K. Chesterton hayatı araştırılıyor. Peki G. K. Chesterton kimdir? G. K. Chesterton aslen nerelidir? G. K. Chesterton ne zaman, nerede doğdu? G. K. Chesterton hayatta mı? İşte G. K. Chesterton hayatı... G. K. Chesterton yaşıyor mu? G. K. Chesterton ne zaman, nerede öldü?

(traduzione: Chi è G. K. Chesterton? G. K. Chesterton libri e citazioni - La vita dello scrittore, filosofo, teologo, critico letterario e d'arte inglese - G. K. Chesterton è oggetto di ricerca. Chi è G. K. Chesterton? Di dove è originario G. K. Chesterton? Quando e dove è nato G. K. Chesterton? G. K. Chesterton è vivo? Ecco la vita di G. K. Chesterton... G. K. Chesterton è vivo? Quando e dove è morto G. K. Chesterton?).

Si tratta di un profilo biobibliografico sul Nostro, è in lingua turca e parla anche della sua conversione al cattolicesimo. Per chi vuole leggere, basta usare il traduttore Deepl e tutto risulta ben comprensibile.

Il resto dell'articolo è qui sotto:

https://www.mardinlife.com/g-k-chesterton-kimdir-g-k-chesterton-kitaplari-ve-sozleri.html


Per la cronaca, Mardin è una città che sorge lungo il confine turco - siriano ed è la sede di monumenti bellissimi di origine cristiana. Purtroppo fu la sede di uno dei più grandi massacri perpetrati durante le persecuzioni degli armeni e degli assiri verso il 1915. Questo deve essere ricordato.


mercoledì 29 giugno 2022

Robert Louis Stevenson – L’avventura nel cuore, di Paolo Gulisano - Recensione di Domenico Volterra su Mangialibri.

Il nostro vicepresidente Paolo Gulisano ha di recente pubblicato un libro su Stevenson che, come sapete, era uno degli autori preferiti di Chesterton. Scrissi qualcosa a proposito del libro di Chesterton su Stevenson qualche anno fa: https://uomovivo.blogspot.com/2012/06/rubbettino-pubblica-lo-stevenson-e-noi.html (in realtà di anni ne sono passati dieci... mamma mia). 

A me piace moltissimo, quel libro. Sono contento che Paolo abbia deciso di dedicarsi a Stevenson, che è così importante per Chesterton, per la sua stessa vita. Ricorderete di certo che lo annoverò, in una famosa lettera a Bentley a cui accenno in questo post sugli anni giovanili di Chesterton (https://uomovivo.blogspot.com/2012/02/alcune-notizie-sugli-anni-giovanili.html) tra le letture che lo salvarono.

La recensione rende omaggio al nostro Chesterton, e Paolo è Paolo...

Marco Sermarini

__________________________

In un saggio risalente ai primi anni del Novecento, Gilbert Keith Chesterton scriveva che nello scenario culturale dell’epoca si avvertiva la mancanza di una Letteratura della gioia, ovvero di una Letteratura che non solo badasse a trasmettere le angosce dell’uomo moderno, ma anche quella positività che è parte dell’esperienza umana e che può aiutare a essere felici. Secondo Chesterton, dunque, un autore esemplare da questo punto di vista era Robert Louis Stevenson, la cui intera opera potrebbe essere letta come una difesa della possibilità di essere felici e una risposta alla domanda di felicità dell’uomo, che può essere assolta solo ritornando piccoli e capaci di provare stupore...

Il resto qui:

 https://www.mangialibri.com/robert-louis-stevenson-lavventura-nel-cuore

Robert Louis Stevenson. L'avventura nel cuore - Paolo Gulisano - copertina


Il G.K. Chesterton Institute for Faith & Culture annuncia la pubblicazione del volume 48, numeri 1 & 2, Spring/Summer 2022 della Chesterton Review.

C'è anche un articolo dell'italiana Maria Covino.



 

martedì 28 giugno 2022

Riproposizioni - Un aforisma di gigante respiro filosofico e teologico al giorno.

Questo senso di immensa gratitudine e di sublime dipendenza (di San Francesco, ndr) non era un aforisma né un sentimento; il punto è che questa era la vera roccaforte della realtà.


Gilbert Keith Chesterton, San Francesco d'Assisi.

domenica 26 giugno 2022

Riproposizioni - Un aforisma felice al giorno.

La felicità è uno stato dell'anima; uno stato nel quale le nostre nature sono piene del vino di un'antica giovinezza, in cui i banchetti durano per sempre, e le strade portano dovunque, dove le cose sono sotto l'esuberante imperio della fede, della speranza e della carità.


Gilbert Keith Chesterton, Dickens, 1903

sabato 25 giugno 2022

Yeats inserì due poesie di Chesterton nel suo The Oxford Book Of Modern Verse 1892-1935.

Ho scoperto solo oggi che William Butler Yeats, premio Nobel 1923 per la letteratura, poeta e irredentista irlandese, inserì due tra le più note poesie di Chesterton nell'antologia intitolata The Oxford Book Of Modern Verse 1892 - 1935.

Le poesie di Chesterton sono The Rolling English Road e Lepanto, rispettivamente la n° 150 e la n° 151 dell'elenco.

Le potete trovare nel collegamento qui sotto, con tutto il resto del libro:

https://archive.org/details/in.ernet.dli.2015.459263/page/n207/mode/2up

Chesterton è in compagnia di amici come Hilaire Belloc (che compare con Tarantella) e Walter De La Mare (fu lui l'estensore del ricordino funebre di Chesterton e della sua definizione di Chesterton come Knight of the Holy Ghost), e di molti altri tra cui spiccano nomi come quello di Thomas Hardy e W.H. Auden, Rudyard Kipling e D.H. Lawrence, Thomas S. Eliot, Oscar Wilde, Tagore, James Joyce, Shri Purohit Swami e Ezra Pound, come pure altri meno noti.

I conoscitori sanno che Chesterton dedicò una parte intinta di ironia della propria Autobiografia proprio al Bardo irlandese. Yeats abitò parte della sua vita, prima di tornare in Irlanda, proprio in quella Bedford Park di Londra dove Chesterton incontrò (e cadde ferito al cuore!) la propria futura moglie Frances Blogg e dove ambientò L'Uomo che fu Giovedì.

Marco Sermarini

Yeats nel 1903


venerdì 24 giugno 2022

giovedì 23 giugno 2022

La no beatificación de Chesterton | MiCiudadReal.es

Jesús Millán Muñoz.- En el año 2019 quedó paralizada a nivel diocesano, la causa de beatificación de Gilbert Keith Chesterton (1874-1936), ya que el obispo Peter Doyle así lo ha considerado. 

Después de varios años de estudios e investigación encargados y llevado a cabo por el sacerdote John Udris, el obispo Peter Doyle, que es el encargado oficialmente, de abrir la causa de beatificación ha considerado que existen tres tipos de razones y causas, que son suficientes, para que por el momento, quede en suspensión dicha causa. 

Il resto qui sotto:

https://www.miciudadreal.es/2022/06/09/la-no-beatificacion-de-chesterton/



Los podcast de Villena - Chesterton: El paradójico

La poesía se tiene, desde antiguo, como la madre y el origen de la literatura. La poesía procede o se une al canto (inicialmente a las canciones populares) y esos textos festivos o los que narraban, con ritmo, batallas y aventuras, están en el origen de la literatura. Mi pretensión en este podcast es hacer un recorrido ameno por la poesía y sus grandes y mejores nombres. Se puede en algún momento ir al origen (los poetas arcaicos griegos) pero preferimos empezar por la poesía contemporánea -los dos últimos siglos- en la seguridad de que es más cercana al lector. Y se trata de propiciar esa cercanía. Por poner casos al azar, Bécquer o Whitman Borges, son poetas en los el lector se puede reconocer y aprender con placer, entre muchos. A eso vamos.

Il resto, incluso il podcast, qui di seguito:

https://www.rtve.es/play/audios/los-podcast-de-villena/chesterton-paradojico/6538537/


Gilbert Keith Chesterton: Obrana nonsensu | Vltava

Neotřelý pohled na paradoxy života a laskavý smysl pro humor. I to jsou důvody, proč Gilbert Keith Chesterton stále patří k nejcitovanějším autorům světa. Jeho esej z výboru Ohromné maličkosti čte Stanislav Oubram. Poslouchejte on-line po dobu jednoho týdne po odvysílání.

Il resto nel collegamento qui sotto:

Chesterton Is Right About What’s Wrong With the World | il nostro amico Kevin Turley sul National Catholic Register.

Sophia Institute Press has just republished a book with a title that is as perennial as it is thought-provoking: What's Wrong With the World by G.K. Chesterton. 

Essentially a book of political philosophy, Chesterton lampoons, with forensic wit, what were then faddish ideas in Edwardian Britain. His four targets are: large corporations, even bigger governments, feminism and education. These and the then thinking underpinning them are the public "wrongs" he identifies, alongside an overarching one, namely, man's fallen human nature. 

Il resto in questo collegamento:

G.K. Chesterton and the pandemic | Kittie Helmick | The Critic Magazine

G
 .K. Chesterton may have been the greatest writer to rely upon paradox almost exclusively in his cultural and political analysis. He had a singular gift for drawing contradiction out of controversy, like a white rabbit out of a hat. Dubbed "the prince of paradox", Chesterton found humour in the truth, and truth in humour.

Il resto in questo collegamento: 


sabato 18 giugno 2022

I Rivoluzionari Eterni. XX Chesterton Day.

Roberto Brunelli, Il ’patriota cosmico’ e le sue perle - Cronaca - ilrestodelcarlino.it

Gli amici lo conoscono come il Patriota cosmico, e così si firma, sicuramente perché la sua bussola è Chesterton che ama alla follia. Come un po' folle appare anche lui. D'altronde è un francescano. D'altronde è padre Roberto Brunelli, occhi azzurri, occhiali rotondi, selva di capelli. Tutto spirito e corpo, Gesù e Gilbert Keith, che non sembri una blasfemia. Padre Roberto è sempre una sorpresa. Come quando pubblicò un libricino, proprio mignon, dal titolo "Omelie per birrerie con terzine per Cantine". Ne parlammo. Come quando curò la "Summa chesterteologica", con sottotitolo: "Pensieri su Dio. La chiesa. Gli eretici e le salsicce". Da far accapponare la pelle ai tradizionalisti e strabuzzare gli occhi ai progressisti. O come quando curò "La Sfera e la Croce", "L'Osteria volante", "La famiglia Regno della libertà", etc. etc.

Il resto qui sotto:


https://www.ilrestodelcarlino.it/ascoli/cronaca/roberto-brunelli-il-patriota-cosmico-e-le-sue-perle-1.7796110

venerdì 17 giugno 2022

La Madonna…

L’interno della Chiesa.

La chiesa di Brindisi in cui Chesterton promise di convertirsi.

I collegamenti ai discorsi tenutisi il 14 Giugno 2022 a Madrid.


🔴Intervención de Enrique García Máiquez: youtu.be/0568kKeImgs


🔵Intervención de Mónica del Álamo: youtu.be/F_fm0ADS0CM

Giorni fa a Madrid si è tenuto questo convegno di cui abbiamo dato notizia in questo post:


Qui sopra trovate i collegamenti ai discorsi tenuti dai relatori Enrique García Máiquez e Mónica de Álamo.

Il convegno è stato organizzato dalla Fundación Cultural Ángel Herrera Oria, e questo è il sito internet:

https://www.fundacionaho.es

Come vedete non siamo i soli a muoverci e ci fa piacere che in Spagna si parli di Chesterton. Speriamo di poter fare qualcosa insieme a loro e a tutti i chestertoniani spagnoli e catalani. Sarebbe ancor più bello promuovere una conferenza internazionale chestertoniana, che darebbe frutti spettacolari, ne sono certo.

Intanto noi italiani proponiamo di ospitarla presso la nostra bella sede a San Benedetto del Tronto. Ci proponiamo di condurre la Rivoluzione Eterna del bene, del vero, del distributismo, di Cristo al centro di tutto. Noi ci siamo.

Intanto oggi venerdì 17 Giugno 2022 alle 19.30 celebreremo il centenario della conversione di Chesterton ed avremo il piacere di ascoltare padre Bruno De Cristofaro e Stuart McCullough.

Siete tutti invitati.

Marco Sermarini



giovedì 16 giugno 2022

XX Chesterton Day - Solo per quelli impossibilitati a venire di persona…

Per quelli realmente impossibilitati a venire di persona (malati, incastrati da storie difficili, persone agli arresti domiciliari, per chi ha l'obbligo di firma, eccetera...) forniamo due collegamenti per seguire l'incontro di domani dalle 19:30 in poi.

Il primo è per la diretta su YouTube:



Ricordiamo che il 17 Giugno 2022 ore 19.30 interverranno Padre Bruno De Cristofaro e Stuart McCullough.

Il tema è: My Name is Lazarus and I live - A cento anni dalla conversione di Gilbert Keith Chesterton al cattolicesimo.

Sarà una bella serata e sarà bello stare insieme davvero, a distanza scusate ma è una bella sòla.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Festa del beato Pier Giorgio Frassati Compagnia' deiTipiLoschi ore 19.30 cura della Società Chestertoniana Italiana XX Chesterton Day My Name is Lazarus and I live. A cento anni dalla conversione al cattolicesimo di Gilbert Keith Chesterton. Incontro con Stuart McCullough e padre Bruno De Cristofaro, ICMS. ASSOCIATIONE C5.9100951044 FONDAZIONE CASSA DIRISPARMIO DIASCOLIPICENO ASCOLIF PICENO Lo strada che èveramente piena di fantastiche auventure favole viventi ésempre la strada verso casa Società Chestertoniana Italiana Compagnia dei Tipi Loschi del beato Pier Giorgio Frassati 17 giugno venerdi"

Il famoso articolo di Jorge Luis Borges in morte di Chesterton.











 

martedì 14 giugno 2022

Ottantasei anni dopo, l’Uomo Vivo è sempre vivo.

L’anniversario della morte di Chesterton, in maniera singolare e paradossale come fu ogni cosa o quasi della sua vita, rimette puntualmente in gioco un’idea: la sua perdurante e sempre chiara vitalità.

Non so di quante persone defunte si possa dire altrettanto, ma guardandoci intorno vediamo che, per il mistero della Comunione dei Santi, Gilbert Chesterton è vivo e vegeto. Questo è un mistero della nostra fede cristiana che qui si vede benissimo. Mi rallegra tantissimo perché abbiamo bisogno di vedere e toccare. 

Chesterton continua a dare testimonianza con la sua opera (quella è una cosa che stupisce sempre ma nel caso di un giornalista cristiano ce lo potremmo aspettare) ma sempre di più perché lo stiamo facendo conoscere per come era veramente, per la persona che era e per le virtù che viveva quotidianamente. Non sono nulla le amicizie che portò avanti per tutta la vita (Bentley, Oldeshaw, Belloc, McNabb, O'Connor; ultimamente abbiamo scoperto - e ne parleremo al Chesterton Day di venerdì 17 Giugno 2022 - anche il ruolo importante che ebbe Maurice Baring nella sua conversione al cattolicesimo), alcune tenerissime (per esempio è bellissima la storia dell'amicizia con la famiglia Nicholl, in particolare con le ragazze). È rilevante la carità che fece, la speranza che elargì a piene mani e la fede che propagò e difese. Le conversioni che provocò da vivo (addirittura da non convertito...!) sono migliaia, altrettante quelle che ha provocato dopo la sua morte. In questo blog trovate molte di queste storie, cito la prima che mi viene in mente, quella di sir Alec Guinness. Ricordo anche quella di Marshall McLuhandi Arnold Lunn l'ex cappellano della Regina Elisabetta, ma ce ne sono tante altre. Giovedì avremo modo di conoscere Stuart McCullough, una delle trentaquattro storie di conversione documentate da Dale Ahlquist nel libro My Name is Lazarus. Stuart ha una storia singolarissima che vi invito ad ascoltare. L'anno scorso al Chesterton Day abbiamo sentito della conversione di un altro dei trentaquattro, padre Spencer Howe, da luterano che era.

Stiamo cercando di farlo conoscere il più possibile, quindi guardate, sbirciate, cercate qui dentro.

È quindi più che giustificato un pellegrinaggio da Chesterton a Beaconsfield, ed il prossimo si terrà proprio nei giorni esatti del centenario della sua conversione. Il nostro amico Stuart ne è l'organizzatore e quest'anno predicherà alla Santa Messa proprio il vescovo di Northampton, mons. David Oakley.

Ricordo ancora una volta che si dice che le sue ultime parole siano state queste:

"La questione ora è chiara. È tra luce e tenebre e ognuno deve scegliere la sua parte".

Io fossi in voi in questa giornata inizierei a leggere un libro di Chesterton. In caso non lo aveste, basta chiedere a Pump Street, non una libreria online qualunque con spedizioni rapidissime, missili che girano per il mondo a correre sottopagati e spremuti come limoni felici di farlo, ma la prima libreria distributista online e sicuramente la prima nata e pensata per far contento Nostro Signore Gesù Cristo e il Suo e nostro amico Chesterton, con gente di tutti i colori, qualcuno che sembra abile e altri che non lo sembrano e la realtà non sempre corrisponde all'apparenza (ah!ah!ah!), ma tutti felicissimi di fare quel che fanno, cioè far conoscere Gilbertone e con lui il caro e buon Gesù.

Qui sotto un po' di materiale vario inerente la sua morte e tante altre cose. Le rimetto a disposizione per facilitarvi il compito.

Il post del 14 Giugno del 2021:

https://uomovivo.blogspot.com/2021/06/oggi-ricorrono-ottantacinque-anni-dalla.html?m=1

Il post della ricorrenza del 2020, con un'altra interessante antologia di post:

https://uomovivo.blogspot.com/2020/06/a-ottantaquattro-anni-della-morte-del.html?m=1

Borges in morte di Chesterton (un bell’articolo - ormai lo sapete che Borges morì lo stesso giorno di Chesterton cinquanta anni dopo):

https://uomovivo.blogspot.com/2015/06/borges-in-morte-di-chesterton-maria.html?m=1

Un'antica intervista a Marco Sermarini sulla santità di Chesterton:

https://uomovivo.blogspot.com/2010/10/zenit-intervista-il-nostro-presidente.html?m=1

Una meno antica intervista a Paolo Gulisano sulla santità di Chesterton:

https://uomovivo.blogspot.com/2013/08/intervista-al-nostro-paolo-gulisano.html?m=1

Una interessantissima lista dei presenti al funerale di Chesterton:

http://uomovivo.blogspot.com/2013/03/ecco-alcuni-tra-i-presenti-al-funerale.html?m=1

Alla tomba di Chesterton giunge ogni anno un bel pellegrinaggio da Londra da oltre dieci anni, guidato dal nostro grande amico Stuart:

https://uomovivo.blogspot.com/2020/07/the-10th-annual-gk-chesterton.html?m=1

Se cercate col motore di ricerca interno, troverete tante belle foto della tomba del nostro Eroe a Beaconsfield, troverete anche ricordi di amici che ci sono andati devotamente ed affettuosamente in questi anni.

In ogni caso mi sembra il giorno più adatto per recitare questa preghiera, per tutte le nostre necessità, per gli amici, per i nemici, per la Santa Chiesa (e ricordo che abbiamo a disposizione migliaia di santini di tutti i tipi, colori e fattezze, guarda qui).

Marco Sermarini

Dio Nostro Padre,

Tu riempisti la vita del tuo servo Gilbert Keith Chesterton 

di un senso di meraviglia e gioia, 

e desti a lui una fede 

che fu il fondamento del suo incessante lavoro, 

una carità verso tutti gli uomini, in particolare verso i suoi avversari, 

e una speranza che scaturiva dalla sua gratitudine di un'intera vita per il dono della vita umana.

Possano la sua innocenza e le sue risate, 

la sua costanza nel combattere per la fede cristiana in un mondo che perde la fede, 

la sua devozione di una vita per la Beata Vergine Maria 

e il suo amore per tutti gli uomini, specialmente per i poveri, 

portare allegria ai disperati, 

convinzione e calore ai tiepidi 

e la conoscenza di Dio a chi non ha fede. 

Ti chiediamo di concedere le grazie che Ti imploriamo 

attraverso la sua intercessione (e specialmente per...) 

perché la sua santità possa essere riconosciuta da tutti 

e la Chiesa possa proclamarlo beato. 

Te lo chiediamo per Cristo Nostro Signore.

Amen.

Il ricordino della morte
di Chesterton
con i versi del suo amico
Walter de la Mare.

Il famosissimo telegramma
di Papa Pio XI in occasione
della morte di Chesterton
(quello del difensore della fede...)


domenica 12 giugno 2022

De Luca a Carlo Bo ancora sul San Francesco, sul San Tommaso...

[Roma] 28 Settembre 1935


Mio caro Bo,


(…) Tu mi chiedesti il 13 sett. e a volta di corriere una vita di santo in inglese. Non i risposi perché non ne conoscevo. S.Fr. di Chesterton oppure S. Tommaso. Sono già impegnati né si sa da cui: fatto sta che a Londra rispondo no alla Morcell*. (…)


Don Giuseppe De Luca a Carlo Bo, lettera del 28 Settembre 1935, Carteggio De Luca - Bo 1932 -  1961


* Il riferimento è alla casa editrice Morcelliana di Brescia, di cui furono cofondatori tra gli altri proprio il Fausto Minelli di cui al precedente post e mons. Giovanni Battista Montini, futuro San Paolo VI; la Morcelliana pubblicò la traduzione di Raffaello Ferruzzi di Ortodossia del nostro Chesterton. L'edizione è ancora in stampa dagli anni '20.

Carlo Bo nel 1954

sabato 11 giugno 2022

Minelli e De Luca cercano di pubblicare il San Francesco, ma...; giudizio frettoloso di Minelli sul San Tommaso; Belloc e l'Illustrazione Vaticana.

Carissimo De Luca,


(…) Già da tempo avevamo chiesto i diritti del San Francesco di Chesterton - ma il suo agente ci ha risposto di essersi impegnato ancora parecchi anni fa con una certa Signora De Sanctis di Napoli. Ricercata la stessa con tutti i mezzi (anagrafe, informazioni private, ecc.) questa fu irreperibile. Ne avvertimmo l’agente di G. K., ma non ne sapemmo più niente. Se tua sorella volesse riprender le file per il San Francesco: saremmo lietissimi di concludere. Per il S. Tommaso abbiamo già quello del Sergillanges e non mi consta che quello del Ch. Abbia avuto risonanza. E poi S. Francesco è più anziano di data e forse verrà per meno. Scrivi che provi e grazie!  Suo tempo per il S. Francesco avevamo accennato per la traduzione non mi ricordo bene (essendo passati 4 o 5 anni) se a Pompili o a Ferruzzi: ma se non ci fossero veri impegni, potresti pensarvi tu (come per il Belloc dell’Illustrazione Vaticana). (…)


Fausto Minelli a don Giuseppe De Luca, lettera da Brescia del 10 Marzo 1935, Carteggio Minelli - De Luca, volume 2.


Interessante questo scambio tra Minelli e De Luca, due personaggi molto interessati a Chesterton come abbiamo visto in numerosi post di questo blog, anche recenti.

Si cerca di pubblicare il San Francesco ma l'agente di Chesterton dice di aver preso impegni con una certa signora De Sanctis di Napoli, per cui la traduzione italiana non vedrà la luce in quegli anni. In Italia c'era interesse da tempo per questo libro: abbiamo la recensione dell'edizione francese (traduzione di Isabelle Riviere, editore Plon, Parigi) scritta da Giovanni Battisti Montini (il futuro Paolo VI) sulla rivista Studium, vol. 22 (1926), n. 10 (ottobre), pp. 543-546 e la si può trovare nel volume Scritti Fucini (1925-1933), curato di Massimo Marcocchi e pubblicato nel 2005 dalle Edizioni Studium di Roma e dall’Istituto Paolo VI di Brescia. L'edizione italiana più antica che mi risulti dovrebbe essere quella dell'Istituto di Propaganda Libraria del 1967, quindi di tempo ne passò (salvo che qualche appassionato mi dia notizia di altre edizioni più antiche).

Minelli invita De Luca ad interessare sua sorella, che viveva a Londra e che aveva già tradotto quel Belloc di cui si parla e di cui dirò più avanti, a riprendere contatti con Chesterton o con il suo agente. C'è anche un giudizio frettoloso sul San Tommaso d'Aquino, vero capolavoro (non lo dico io ma Etienne Gilson, per approfondimenti leggete qui, qui, qui, qui e qui. Abbiate pazienza, c'è dell'altro, basta usare il motore di ricerca interno del blog), per cui seguiamo Gilson che aveva letto il libro, e la nostra esperienza di Chesterton.

Si parla pure di una pubblicazione di Belloc: De Luca aveva fatto tradurre dalla sorella The Path to Rome e poi lui ne aveva rivisto il lavoro; il diario di viaggio di Belloc (che è uscito per Cantagalli in volume qualche anno fa, nel blog ne trovate notizie sparse) uscì su l'Illustrazione Vaticana, rivista quindicinale diretto da Giuseppe Dalla Torre e uscito tra il 1930 e il 1938, in cui le immagini avevano un ruolo importante, e che uscì anche in francese, spagnolo, tedesco e nederlandese, e a cui collaborò con vari pseudonimi Alcide De Gasperi, allora in Biblioteca Vaticana.

Quest'ultima è una notizia per me inedita e dimenticata.


Marco Sermarini

Fausto Minelli


venerdì 10 giugno 2022

In Spagna 🇪🇸…

XX Chesterton Day, 17 Giugno 2022. Vi aspettiamo!

17 Giugno 2022, ore 19.30, San Benedetto del Tronto, Centro Educativo La Contea, Contrada Santa Lucia - XX Chesterton Day. My Name is Lazarus and I live. A cento anni dalla conversione al cattolicesimo di Gilbert Keith Chesterton. Incontro con Stuart McCullough e padre Bruno De Cristofaro, ICMS.

Intanto vi presento l'ospite internazionale, per cui ecco il nostro Stuart intervistato da Adrian Ahlquist: 

https://www.chesterton.org/uncommonsense/episode-43/

Stuart si dedica alla diffusione dei santini di Chesterton che ha riprodotto in tantissime lingue:

www.catholicgkchestertonsociety.co.uk

Stuart lavora con sua moglie Clare per questa organizzazione che si occupa di evitare e prevenire l'aborto volontario:

http://www.goodcounselnetwork.com 

Stuart organizza da più di dieci anni il Pellegrinaggio annuale da Kensington a Beaconsfield in onore del nostro caro Gilbert e quest'anno il Vescovo di Northampton, che è la diocesi dove Beaconsfield si trova, assisterà e predicherà durante la Santa Messa che sarà celebrata al termine del cammino.

Stuart si è convertito al cattolicesimo grazie a Chesterton.

Tante belle cose, no?

Stuart è il primo alla nostra destra,
e il resto è la sua gang di pellegrini...



Chesterton in altre parole - Robert Hugh Benson

 Non sono stato così tanto commosso per molto tempo. È un vero mistico di uno strano tipo”.

Robert Hugh Benson, in C. C. Martindale, The Life of Monsignor Robert Hugh Benson, Vol. Two, Longmans, Green & Co., Londra 1916, p. 90, citato in Padre Robert Wild, The Tumbler of God; Chesterton As Mystic, Angelico Press, New York 2013


padre Robert Hugh Benson

giovedì 9 giugno 2022

An invitation from the G. K. Chesterton Institute:- "LIBERI TUTTI!" A NEW PLAY BASED ON CHESTERTON'S "THE SURPRISE" COMES TO THE 2022 RIMINI MEETING

Riceviamo dagli amici del G. K. Chesterton Institute for Faith & Culture e volentieri giriamo anche a voi l'invito per la presentazione della commedia La Sorpresa (di cui anni fa pubblicammo la prima edizione assoluta in italiano) che sarà presentata oggi alle 21 e che sarà messa in scena al Meeting di Rimini in Agosto.

_____________


The G. K. Chesterton Institute for Faith & Culture at Seton Hall University and the Rimini Meeting,

Invite you to an online conversation about

Liberi Tutti!

--a new play based on G. K. Chesterton's "The Surprise"

will be presented at the 2022 Rimini Meeting on August 20th, 2022 at the Galli Theatre in Rimini.

 

Speakers: Otello Cenci, Creative and Artistic Director of the Rimini Meeting and Dr. Dermot Quinn, professor of history and editor of The Chesterton Review

The conversation will be moderated by Mrs. Gloria Garafulich-Grabois, Director, G. K. Chesterton Institute for Faith & Culture.

 

 

The event will be streamed online on TEAMS

Thursday, June 9, 2022—from 3:00 pm (ET) -  9:00 pm (Italy)

Via TEAMS. To join please click on the link below

"G. K. Chesterton's 'The Surprise," comes to the 2022 Rimini Meeting"

 

 

 

About the conversation

The conversation will center on the work and annual gathering at the Rimini Meeting as well as the presence of G. K. Chesterton as this event and past collaborations of the Rimini Meeting and the G. K. Chesterton Institute.

Otello Cenci remarks: "As I was looking for a work that would deepen the theme of this year's meeting, I came across the text of Chesterton's 'The Surprise.' This text has been adapted under the title of 'Liberi tutti!' which is based on Chesterton's play that was written in 1931 for a performance in his hometown of Beaconsfield. Through this text, perhaps Chesterton wanted to answer in his own way to 'Six characters in search of an author' by Pirandello (1921): it is the Metatheatre that gives substance to Chesterton's text, which differs from Pirandello's work for its extreme lightness and irony through which profound and important themes are addressed."

 

 

About the speakers

Otello Cenci is Director of the Performing Arts Division at the Rimini Meeting and Creative and Artistic Director at Made Officina Creativa. He has produced stage adaptations of works by T. S. Eliot, A. Camus and G. Leopardi as well as TV productions (RAI2), and the stage production of Aldo Finzi's "La Serenata al Vento", and has also directed productions of works by Shakespeare, Thomas More and Paul Claudel among others. In 2011, he worked with the G. K. Chesterton Institute for Faith & Culture for the stage production of Chesterton's "The Ballad of the White Horse" (Rimini Meeting, 2011); and in 2013 for the production of Chesterton's "Manalive" (Rimini Meeting 2013). Mr. Cenci is currently working with the Institute in preparation for this year's stage production of Chesterton's play "The Surprise" which will be presented at the Rimini Meeting 2022 (August).  For more information about the Rimini Meeting please visit: www.meetingrimini.org

Dermot Quinn, D.Phil. is Professor of History at Seton Hall University and Editor of The Chesterton Review. He was educated at Trinity College, Dublin and New College, Oxford, where he was awarded a doctorate in 1986. He has written extensively on Chestertonian themes, has authored three books The Irish in New Jersey: Four Centuries of American Life (Rutgers University Press, 2004)(winner, New Jersey Studies Academic Alliance, Non-fiction Book of the Year, 2005); Patronage and Piety: The Politics of English Roman Catholicism, 1850-1900 (Stanford University Press/Macmillan, 1993) and Understanding Northern Ireland (Baseline Books, Manchester, UK, 1993 and many articles and reviews in the field of British and Irish history.

 

 

 

 

G. K. Chesterton Institute for Faith & Culture

Seton Hall University - 400 South Orange Avenue - South Orange, NJ 07079

973.275.2431 - Chesterton Institute email: chestertoninstitute@shu.edu