domenica 24 febbraio 2013

Un aforisma di R. L. Stevenson, autore amato da GKC (lo abbiamo rubato ad Andrea Monda)

"Esigiamo compiti più elevati perché non siamo capaci di riconoscere l'elevatezza di quelli che già ci sono assegnati. Cercare di essere gentili e onesti sembra un affare troppo semplice e privo di risonanza per uomini del nostro stampo eroico; piuttosto ci getteremmo in qualcosa di audace, arduo e decisivo: preferiremmo scoprire uno scisma o reprimere un'eresia, tagliarci una mano o mortificare un desiderio. Ma il compito davanti a noi, cioè quello di sopportare la nostra esistenza, richiede una finezza microscopica, e l'eroismo necessario è quello della pazienza. Il nodo gordiano della vita non può essere risolto con un taglio: ogni intrico va sciolto sorridendo".

R. L. Stevenson

4 commenti:

annina ha detto...

ma che bella questa citazione!

Cosimo Tomaselli ha detto...

è possibile avere il riferimento competo della citazione? libro, edizione, pagina?

L'Uomo Vivo ha detto...

Li chiederemo ad Andrea Monda.

Ispido Cafè ha detto...

Una citazione ricca di pensiero: da meditare.