mercoledì 31 agosto 2016

American Chesterton Conference, qualche bagliore sulla stampa americana...


Every page written by G.K. Chesteron, an early 20th century convert to Catholicism and widely considered one of the greatest apologists for the Catholic faith in the English language, is like "a bottle of champagne," said Auxiliary Bishop Robert Barron of Los Angeles.

SLIPPERY ROCK, PA - When it came to championing the faith, G.K. Chesterton fought with "verve and passion, and panache" in his works, said Auxiliary Bishop Robert E. Barron of Los Angeles.

He reflected a deep attitude of love and joy, the bishop said. "Every page of Chesterton is like a bottle of champagne."

Barron, an auxiliary bishop in the Archdiocese of Los Angeles, lauded the contributions of the English writer and journalist during the 35th Annual Conference of the American Chesterton Society in early August at Slippery Rock University.

He addressed the audience of more than 300 via Skype in introducing his new series, "Catholicism: The Pivotal Players." Chesterton is profiled in the series, and the gathering had the opportunity to view the episode featuring him.

Barron told the "Chestertonians" that he couldn't imagine a better audience to premiere the episode, and he said their keeping the memory of Chesterton alive is a "tremendous" gift to the church.

The Aug. 4-6 conference drew participants from throughout the United States and several other countries. They heard a variety of speakers who detailed Chesterton's relationships with other literary figures, and they had the opportunity to engage in fellowship and spiritual activities.

"There's a real lack of clear voices in today's society speaking about the issues Chesterton wrote about," said Victoria Darkey, director of the Western Pennsylvania Chesterton Society. "People are hungry for that."

It is a common experience, she noted, for people to read Chesterton and find his works to be profoundly relevant to today's world.

Dale Ahlquist is president of the American Chesterton Society. He has written several books on the writer and is widely regarded as America's foremost authority on Chesterton, who died in 1936 at age 62.

Ahlquist said Chesterton, an Anglican who became a Catholic in 1922, has a wide appeal because everything he wrote "pointed" to God. He was eloquent and well versed in a number of disciplines, including literature, art, economics and social justice, Ahlquist said.

Chesterton's works have not gone out of style, he noted, because they speak the truth, and truth doesn't change.

"He's an amazingly timely writer because he's a timeless writer," Ahlquist told the Pittsburgh Catholic, newspaper of the Diocese of Pittsburgh. "People find him prophetic and sometimes even more relevant now than he was in his own time in many ways."

In the early 20th century Chesterton wrote about various issues as relevant then as they are today: social injustice, the culture of death, statism, assaults on religion, and attacks on the family and on the dignity of the human person. He also was the author of the "Father Brown"' mystery stories.

It is often forgotten, Ahlquist added, that Chesterton was best known as a journalist in his day, and people clamored to see his byline. With his death, his name disappeared from their focus, and just in the last 20 years or so interest in his work has begun to rise again.

Ahlquist has alluded to Chesterton's notion that we don't need a Church that moves with the world, but we need one that moves the world. It is a thought, he noted, that was often quoted by Archbishop Fulton J. Sheen, who was greatly influenced by Chesterton.

It has been said that Chesterton's teachings explain why modern man cannot think clearly. Ahlquist pointed out that we have lost touch with our past and we don't know our own story.

The great story of how our civilization was built, he said, involves the church as the foundation. The church gave us art, literature and a form of government.

"We've cut ourselves off from this, and now we don't know how to justify what we do anymore," Ahlquist said.

People are recognizing that Chesterton's works can reconnect them, he added. Ahlquist noted the rising attendance at the conference in the past 20 years as an example. Chesterton is coming back into the classroom, he noted, and his books are being rushed into print. Schools bearing his name have been opened and have embraced his thinking in addressing some of the problems facing society.

Father Joseph Freedy attended the conference and celebrated its closing Mass. Chesterton, he said, has educated him in a new relationship with reality and given him the ability to view it properly.

While he is still relatively new to Chesterton's work, Freedy noted, he has been profoundly affected by it, and it has "helped me to get God right."

Freedy described Chesterton's work as "a breath of fresh air," and that when people encounter him they experience real joy and real truth. And truth, he noted, is always very attractive.

In his Skype session, Barron noted that he was introduced to Chesterton as a college sophomore and became a "passionate Chestertonian" in the 1970s and '80s when the church was in the midst of an intellectual upheaval.

"It gave me a light and a point of reference during a confusing time," he said. The bishop spoke of how he saw Chesterton as a "happy warrior" in defending the faith, in an age when he saw many "angry warriors."

Barron said that he chose Chesterton as one of the profiles for his series because he loves Chesterton's work and appreciates his intuition for fundamental things.

"I found him as a great evangelist and a model for our time," he said.

He said Chesterton taught him that the "most compelling offer on the table" is classical Christianity. Intellectual fashions come and go, he said, but classical Christianity remains. It gives a robust sense of the divinity of Jesus and the reality of sin, salvation, grace and God's existence.

What he learned at 19, Barron noted, is what has sustained him through the years.

Franko is a staff writer at the Pittsburgh Catholic, newspaper of the Diocese of Pittsburgh.

martedì 30 agosto 2016

Un aforisma al giorno

G. K. Chesterton (@GKCDaily)
That refusal to call a man plainly 'a heretic' is the essence of all bigotry. And this bigotry is the special discovery of the modern world.


G.K. Chesterton, politics, and theology - Washington Times


L'aforisma in testa è formidabile.
Cita Dale, e va alla grande.
E' un pastore battista "illuminato" da Dale.

G.K. Chesterton, politics, and theology

G.K. Chesterton, one of the greatest English journalists and philosophers of the early 20th century, had a lot to say about the interaction of Christianity with government and politics.

Recently, I've been delighted in reading Common Sense 101: Lessons from G.K. Chesterton, in which the author Dale Ahlquist teaches how to "look at the whole world through the eyes of Chesterton." 

In the chapter titled, "The 'D' Word," — (democracy), Ahlquist teams up with Chesterton quotes to write something interesting—and helpful:

G.K. Chesterton devoted a great part of his life, especially in his later years when time was very precious, to trying to bring social and economic justice to the world. And his emphasis was always on trying to get people to think clearly, to see first principles. And Chesterton understands that ultimately every political question is also a theological question. He seeks to define these things clearly because, as he says, "We cannot be vague about what we believe in, what we are willing to fight for, and to die for."

Democracy, he admits, is always difficult, but only a Christian society has the fixed principles to face those difficulties. To make a democracy work, we have to face honestly the problems of injustice. Chesterton reminds us very pointedly: "God Himself will not help us ignore evil, but only to defy and to defeat it."

There are some people who are very concerned about politics and insist that religion doesn't matter, just as there are some who are very concerned about religion and insist that politics don't matter. But both matter. Just like both of the two great commandments matter and must always go together: love God and love your neighbor.

blog comments powered by Disqus

giovedì 25 agosto 2016

Notizie Pro Vita ripropone un'intervista al nostro presidente su scuola e distributismo

Notizie Pro Vita aveva intervistato tempo fa il nostro presidente Marco Sermarini sulla Scuola Libera "G. K. Chesterton", ma l'occasione ha consentito di allargare il discorso sulla questione del distributismo.

Ve la riproponiamo perché può essere utile a coniugare correttamente il pensiero senza farsi invischiare in ragionamenti consolidati ma falsi sulla questione del lavoro e su quella dell'organizzazione della società.


http://www.notizieprovita.it/economia-e-vita/la-scuola-libera-g-k-chesterton/




Inviato da iPhone

venerdì 19 agosto 2016

Un aforisma al giorno

Posso ascoltare pazientemente per ore un comunista che continua a ripetere che la Proprietà non è necessaria perché gli uomini devono sottomettere gli interessi egoistici agli ideali sociali. Comincio a spaccare la mobilia solo quando qualcuno comincia a dimostrare che la Proprietà è necessaria perché gli uomini sono tutti egoisti e ognuno deve pensare a se stesso. La ragione che giustifica la Proprietà non è che un uomo deve pensare a se stesso; ma, al contrario, che un uomo normale deve pensare ad altre persone, fossero solo una moglie e una famiglia.


Gilbert Keith Chesterton, I Nuovi Secoli Bui, G. K.'s Weekly, 21 Maggio 1927

22 Agosto 2016 ore 16.30 al Meeting Pad C5

Vi ricordò senza particolari frizzi e lazzi che lunedì 22 Agosto 2016 alle ore 16.30 presenteremo, due miei amici ed io, Cosa c'è di sbagliato nel mondo, libro rivoluzionario di Chesterton. Non sarà una presentazione da società letteraria o da salotto buono. Abbiamo bruciato anche i divani.

Il libro compratelo da Pump Street, non da un'altra parte, sennò poi non avrebbe lo stesso sapore, odore e contenuto, ve lo garantisco.

Marco Sermarini


Inviato da iPhone

Anche quest'anno ci trovate al Meeting, Pad. C5

mercoledì 17 agosto 2016

Una segnalazione del nostro Andrea Carbonari alias Mr Pond

Caro presidentissimo,
ti segnalo che oggi (17 agosto) su Avvenire a pagina VII dell'inserto centrale c'è un articolo di Alessandro Zaccuri ("Thomas More, l'arte di resistere al potere") sul dramma su san Tommaso Moro scritto da Shakespeare. Nell'articolo è citato anche zio Gilbert.
Saluti chestertoniani,

Mr. Pond

martedì 16 agosto 2016

Un aforisma al giorno

C'è solo una cosa davvero sorprendente che può essere fatta con un ideale ed è di realizzarlo.

Gilbert Keith Chesterton, Cosa c'è di sbagliato nel mondo


domenica 14 agosto 2016

Vignette con un po' di Chesterton (da Rob Prisco)

Chesterton, il lato misterioso dell'umorismo - di Mattia Rossi (da Il Giornale di oggi 14/8/2016)

Gabriel Gale, la ragione e il senso della realtà - di Enrico Reggiani

http://www.ilsussidiario.net/mobile/Cultura/2016/8/1/CHESTERTON-Gabriel-Gale-la-ragione-e-il-senso-della-realta/716913/

Presentiamo al Meeting 2016 Cosa c'è di sbagliato nel mondo...

Cari Amici,

come tutti gli anni la Società sarà presente al Meeting per l'Amicizia tra i Popoli a Rimini dal 19 al 25 Agosto 2016.

Ci saranno anche Pump Street e la Compagnia dei Tipi Loschi del beato Pier Giorgio Frassati. Quindi potrete abbonarvi al mensile dei Tipi Loschi, comprare le fantastiche magliette di Chesterton e Frassati e i loro bellissimi libri, iscrivervi alla più bella società del mondo che è la SCI e potersi fregiare legittimamente del titolo di amici di Chesterton (mica tutti lo possono fare… non basta leggere qualche libro… bisogna condividerne tutto e soprattutto iscriversi!).

Saremo con l'APS Santa Caterina da Siena al padiglione C5.

Però volevamo segnalarvi che il giorno 22 Agosto alle ore 16.30 il nostro presidente Marco Sermarini assieme ad altri due amici (sorpresa!) presenterà il libro di Chesterton "Cosa c'è di sbagliato nel mondo". Ovviamente nello stand della Santa Caterina da Siena (per gli amici, della Confraternita).

E' una presentazione semiclandestina, in puro stile chestertoniano, per cui non cercatela sul programma ufficiale…

Vi aspettiamo!

Un aforisma di Belloc

Hilaire Belloc (@bellocquotes)
The most important things cannot be measured.


Un aforisma al giorno

Chesterton Society (@AmChestertonSoc)
"Some day I will write a thrilling book of travels about all the places I have never visited." - #GKChesterton #travel


Inviato da iPhone

giovedì 11 agosto 2016

Viaggio in Inghilterra - della nostra Betta

Leggetelo, è un racconto molto simpatico e sincero di un viaggio su alcuni dei luoghi di GKC e di JRRT...


VIAGGIO IN INGHILTERRA

 

Con la colonna sonora del Signore degli Anelli, inizio a scrivere questo resoconto del nostro viaggio in Inghilterra. Mi accorgo di avere una memoria piuttosto labile e non vorrei dimenticare anche solo un frammento di quello che abbiamo vissuto in quei giorni. Siamo stati come cinque hobbit curiosi e avventurieri (sicuramente Baggins ma con un pizzico di Tuc).

Quest'anno le vacanze della famiglia Vagliani sono state un po' diverse. Non è mancato il mare a San Benedetto del Tronto dai nostri amici Tipi Loschi, non mancherà la settimana in montagna sempre con i nostri cari amici ma quest'anno abbiamo voluto concederci una vacanza a Londra e dintorni.

Siamo partiti venerdì 29 luglio dall'aeroporto di Villafranca con sbarco a Gatwick, pronti per una nuova e bellissima avventura. Arrivati, il tempo di prendere i bagagli e ci fiondiamo alla fermata degli autobus del North Terminal per prendere il car rental shuttle che arriva dopo un quarto d'ora. Un signore magro magro ma molto cortese ci trasporta al car rental park dove noleggiamo una macchina e subito siamo pronti a vivere questa incredibile vacanza. Il primo ostacolo è l'autostrada che fa il giro di Londra, una specie di raccordo anulare trafficatissimo dove, ogni tanto, si ferma qualche macchina o c'è qualche incidente. Per percorrere 40 km ci impieghiamo ben due ore e mezza ma nulla può fermare la famiglia Vagliani.

L'arrivo a Beaconsfield capita nel tardo pomeriggio, purtroppo il cimitero dove riposa Gilbertone nostro è già chiuso, andiamo perciò a vedere la chiesa di Santa Teresa dove è presente la cappella dei martiri inglesi voluta da Chesterton e la statua della Vergine Maria. Ci avventuriamo a piedi in questo paesello che sembra di altri tempi, tutto giardini e casette di mattoni. Stiamo cercando il pub preferito dal nostro scrittore preferito: il White Hart, mentre proseguiamo ci ritroviamo casualmente a Top Meadow e, sempre casualmente, vediamo le due case di Gilbert, una di fronte all'altra. Quella dove ha vissuto dal 1909 al 1922 e quella dove ha vissuto dal 1922 al 1936. Il momento è commovente perché abbiamo quasi immaginato Gilbert tra questi giardini, questi prati, parlare, ridere e scherzare con questa gente cordiale, andare al pub e bere una birra in allegria. Ci è sembrato che Chesterton fosse vivo come non mai. Beaconsfield è una perla, lontana dal caos della City, immersa nel verde e, forse, abbiamo capito perché Gilbert è venuto ad abitare qui. I bambini hanno fame, non c'è tempo da perdere, andiamo a mangiare. Vorrei soffermarmi su questo punto: andare in vacanza in cinque è più costoso che viaggiare in due, andare in vacanza con dei bambini, specie se piccoletti, può essere snervante ma noi l'abbiamo fatto perché ci piace che i nostri figli imparino a conoscere i nostri autori, autori che sono nostri amici e che, come hanno formato noi, formeranno anche loro. Entriamo al White Hart, ci accomodiamo e quasi ci sembra di vedere Gilbert che, seduto a uno di questi tavoli, scrive padre Brown, incontra persone, ride. Purtroppo questa sera non fanno da mangiare, hanno poco personale in cucina. I bambini brontolano, meglio trovare qualcosa d'altro. Ci rifugiamo da ZiZì, un ristorante che vorrebbe essere italiano e ordiniamo una pizza a una simpatica ragazzetta con la quale ridiamo e scherziamo. Essere a Beaconsfiel ci mette di buonumore, è come se avessimo incontrato Gilbert davvero.

Si fa tardi, dobbiamo andare a Oxford. Partiamo alla ricerca del nostro Hotel, The Holt, e si sta facendo buio. I bimbi si addormentano mentre la nostra macchina sfreccia in Oxford Street. A un certo punto ci troviamo su questa strada buia nel bel mezzo del nulla e il cellulare esaurisce la batteria spegnandosi miseramente. Persi, nel buio. I bimbi dormono, siamo nel panico. Recito mentalmente un Memorare, facciamo un'inversione e ci fermiamo in un pub lungo la strada. Entro ed esordisco con un: "We're lost", mi viene da piangere ma i gestori ci tranquillizzano. "Andate avanti ancora un po', troverete un semaforo e un distributore di benzina. Il vostro hotel è lì". Li ringraziamo tantissimo e ci sentiamo più lieti. In questo viaggio ho capito che la vita di una persona si basa su tanti piccoli atti di fede: mi fido che questo aereo non cadrà (in linea di massima è così), mi fido che domani il sole sorgerà di nuovo (l'ho sempre visto ed è un miracolo che si ripete ogni giorno), mi fido che queste persone non vogliano ingannarmi (si sono così affannate a consolarmi). E' l'atto di fede dell'uomo comune e del suo common sense, è l'affidarsi a un Destino buono del cristiano, anche nelle piccole cose. Ed infatti, ecco il nostro hotel, dopo il traffic light, come ci avevano detto i due gestori del pub poco prima. Piove, tiriamo fuori i bimbi e li mettiamo a letto. L'hotel è confortevole, tipicamente english, dopo questa avventura possiamo addormentarci sereni con la bellezza delle cose viste ancora negli occhi.

La mattina ci svegliamo già affamati e sognando la tipica english breakfast. Scendiamo nella hall e scopriamo che è arrivata la polizia. Una poliziotta in uniforme, con tanto di manette e fondina che le penzolano dalla cintura, tira un nastro in una parte della sala da pranzo. Improvvisamente mi sembra di essere in una puntata di CSI. Pare che fortunatamente non si sia fatto male nessuno, problemi tra i membri dello staff, ci dicono. Mia figlia Maria Vittoria guarda la scena attonita e, quando le passa vicino, la poliziotta tira fuori dal cinturone delle bolle di sapone e comincia a soffiare. Le bolle volteggiano per la hall sotto gli occhi stupiti di Maria Vittoria. Che gente strana, penso, ed effettivamente i personaggi paradossali di Chesterton non mi sembrano poi così del tutto inventati. Credo che si divertisse un mondo ad osservare la gente comune e a riportarla sulla carta. La realtà è più bella e più varia di quello che si legge nei libri!

Prossima fermata Oxford centro. Cerchiamo subito il Merton College, un college antichissimo dove J R R Tolkien insegnò lingua e letteratura anglosassone. Lo troviamo e per tre pounds possiamo visitarne alcuni ambienti. I giardini sono stupendi, la chapel anche (ci trae in inganno sembra cattolica ma in realtà è anglicana), diciamo una preghiera alla Vergine Maria e al Figlio suo e poi ci intrufoliamo nel refettorio, una stanza sontuosa dove students and fellows consumano i pasti. Io penso all'università di Bologna e alla mensa piena di frittoni rasta con i loro cani: tutto un altro livello. I miei figli esprimono il desiderio di venire a studiare qui, sarebbe bellissimo. Cerchiamo la chiesa di Saint Aloysius, sede della Chesterton LibraryIn questa chiesa veniva a messa Tolkien. Entriamo, si sente una musica d'organo e la navata è abbellita con dei fiori bianchi: ci sono le prove per un matrimonio. Al suo interno c'è un quadro di Newman e San Luigi Gonzaga che noi conosciamo bene perché è un santo mantovano, ci sentiamo già a casa. Cerchiamo qualcuno che ci apra la Chesterton Library. I Filippini chiamano il grande Father Joseph che, ammette lui, conosce poco Chesterton ma ci farà l'onore di mostrarci la biblioteca. Si apre così il paradiso ai nostri occhi: i libri di Gilbertone nostro! La sua sedia, il suo cappello (con cui io mi faccio pure la foto!), il rosario, le statuine del presepe, i manoscritti. Parliamo, parliamo tanto, parliamo di Marco Sermarini, Dale, di Aidan Mackey che è stato a messa poco prima e di Stratford Caldecott di cui c'è una bella foto. Ci sentiamo a casa ancora di più. Ci diciamo cosa ci piace di Chesterton, gli dico che è semplice, un hobbit come noi, che quando ho la mente immersa nell'oscurità dei miei pensieri, lo leggo, mi faccio una risata e penso: "Ha ragione lui". Ringraziamo padre Joseph e notiamo che si è fatta ora di pranzo: andiamo dritti dritti al The Eagle and the Child, il pub dove si trovavano una volta a settimana gli Inklings. Che emozione! Il pub che ha visto la genesi del Signore degli anelli e delle Cronache di Narnia, dove uomini veri parlavano dei miti che altro non sono se non un modo naturale dell'uomo di avvicinarsi alla storia della Redenzione, perché tutti gli uomini vengono da Dio e questa paternità celeste se la portano dentro come un marchio. La barista è italiana, ci consiglia una birra rossanon pastorizzata (mio marito deve guidare per cui mi sacrifico io) e patate dolci fritte, onion rings, nachos e salsa guacamole

Siamo contenti, mangiamo ridiamo di cuore. Prossima tappa: il Wolvercott Cemetery a salutare il professore. Lo troviamo subito, entriamo quasi titubanti. Subito seguiamo le indicazioni per la tomba di Tolkien perché altrimenti ci perderemmo ed alla fine: eccola! Edith Mary Tolkien e John Ronald Reuel Tolkien, eccoli Luthien e Beren. Si sono tanto voluti bene in vita che ora riposano insieme. Dopo qualche foro, ci raccogliamo in preghiera e siamo un po' commossi. Questi grandi uomini hanno percorso la nostra stessa terra e nemmeno tanto tempo fa, questi uomini sono dei maestri: ci confortano nei momenti bui e ci rallegrano e tengono vivo il cuore. Non a caso indosso la maglietta tolkeniana che mi ha fatto Pump Street che recita così: 

"Even darkness must pass, a new day will come and when the sun shines it will shine out the clearer

Ci dicono che la gioia e la speranza sono il segreto del cristiano. 

Ci rimettiamo in macchina diretti a Stratford Upon Avon da un altro grande: William Shakespeare. Ho conosciuto questo poeta da ragazzina, sono rimasta incantata dai suoi versi e dalle sue storie. Sembrerà strano perché quando uno vive una circostanza contorta e particolarmente drammatica, si usa dire che vive una tragedia shakespeariana. Ecco, io mi ci sono sempre ritrovata un po' in certe descrizioni di stati d'animo e pensieri. L'ho riscoperto l'anno scorso, quando mio figlio Edoardo ha tirato fuori da un mobiletto della sala, la videocassetta dell'Enrico V e ne è rimasto folgorato. Shakespeare è nato a Stratford upon Avon ma si sa poco di lui, molto di questo poeta è avvolto dal mito e dalla leggenda. Eppure eccoci in questo delizioso paese immerso nel verde. Ci stupisce perché è pieno di famiglie e spettacolari parchi giochi(alcuni con piscina), il centro del paese è antichissimo e oggi c'è un sacco di gente. Andiamo diretti alla casa natale di Shakespeare, ci raccontano dove è nato, che aveva dei fratelli, che suo padre faceva il guantaio e che non gli piaceva nemmeno troppo andare alla grammar school, la scuola del paese, insomma un ragazzetto normale! Mi viene in mente il caro Chesterton che dà un giudizio positivo sul nostro bardo: Shakespeare doveva essere cattolico per Gilbertone, perché, proprio come Tommaso, davanti a un uovo esclamava: "Quello è un uovo". Era un realista. Ed era anche più grande di Nietzsche. Shakespeare, infatti, pensò la morale dell'Ubermensch ben prima del filosofo tedesco ma "ne pesò l'esatto valore, e la collocò nel suo posto preciso: cioè nella bocca di un mezzo scimunito, che parla alla vigilia della sua disfatta". Insomma, non è vero che a Shakespeare non vennero mai in mente i concetti malati che vorrebbero propinarci certe ideologie moderne, gli vennero in mente, eccome! Ma ne trovò subito altri più belli che misero fuori uso quelli nefasti. Insomma un altro grande maestro!

Purtroppo il tempo vola e noi abbiamo due ore di macchina che ci aspettano per raggiungere la City prima che faccia buio e che i cellulari si scarichino del tutto. 

Quando arriviamo nel quartieraccio di Finsbury(ribattezzato da noi: "In the Ghetto") troviamo l'amara sorpresa di un hotel fatiscente (Nb Central Park Hotel, evitatelo) ma, almeno vicino alla stazione della famosissima London Tube. Ci mettiamo d'accordo con il nostro amico Fabrizio per il giorno dopo e ci corichiamo pieni di voglia di avventura, mentre con la mente ritorniamo ai bellissimi incontri fatti durante il giorno: father Joseph, Tolkien, Shakespeare.

Il programma per la mattina dopo prevede il recarsi alla Saint Peter Church dove viene celebrata una messa in italiano ma, purtroppo perdiamo tempo a capire come funziona la metro e i biglietti. Alla fine, scoraggiati, riusciamo andare a Buckingam Palace. I bambini sono entusiasti e facciamo mille foto sulla statua della regina Vittoria. Fabrizio ci aspetta al London Eye, la ruota panoramica. Passiamo per Saint James Park, un parco curatissimo e pieno di scoiattoli, attraversiamo il Tamigi ed ecco il London Eye. Io e Maria Vittoria rimaniamo giù e ci concediamo la giostra dei cavalli e un giro al parco giochi. Arriva anche Fabrizio che ci porta a mangiare in un tipico pub londinese usando la metropolitana con disinvoltura. Dopo pranzo sbuchiamo di fronte al palazzo di Westmister, salutiamo il Big Ben e andiamo diretti alla Westmister Abbey. Più avanti troviamo la chiesa del "Preziosissimo Sangue di nostro Signore Gesù Cristo", ovvero laWestmister Cathedral e finalmente riusciamo a prendere messa. La messa è uguale alla nostra, ci sono anche i canti in latino e questo mi fa sentire parte di una grande famiglia. Capisco poco durante l'omelia perché il prete è un fuoco d'artificio, scherza sul fatto che lui si chiama Tom e il confratello Jerry ma poi ci parla delle missioni e di tanti suoi amici che sono partiti per la Cina e non sono più tornati. Alla fine, questi pretini si mettono sulla soglia per salutare tutti. Conosco Father Tom che viene dall'Irlanda e un prete sudafricano (come Tolkien) che insegna aramaico a Roma ma d'estate viene qui a fare un po' di missione. Questi preti sono dei veri missionari in una città dove c'è di tutto e di più, sono accoglienti e hanno un bellissimo sorriso che gli illumina il volto.

La giornata volge al termine, abbiamo camminato molto. Salutiamo Fabrizio che ci conduce alla metro. E' stato davvero un piacere passare del tempo con lui.

La mattina seguente partiamo di buonora per Hyde Park dove predicava padre Vincent McNabb, amico di GKC ma prima facciamo un salto alla Saint Mary Abbot Church, la chiesa dove il nostro Gilbertone e Frances si sono sposati. E' un'emozione incredibile entrare in quella chiesa ma ci viene un po' da ridere, non riusciamo a non pensare che Chesterton, prima di sposarsi, tracannò un bicchiere di latte, si mise le scarpe nuove (senza togliere il cartellino) e andò a comprare una pistola. La giornata è fredda, Ad Hyde Park tira un venticello fastidioso e nemmeno una tazza di caffè americano riesce a scaldarci. Riprendiamo la metro, è ora di tornare in aeroporto.

Questo viaggio ci ha emozionato non poco e senza nemmeno ricorrere all'Agenzia delle Avventure Romanzesche. Abbiamo visto da vicino i luoghi dei nostri maestri, abbiamo percorso un po' della loro strada sempre leggendo un frammento di qualche opera per aiutarci a capire meglio quello che stavamo vivendo.

Ora in noi c'è una gioia autentica, cerchiamo di custodire nei nostri cuori quello che abbiamo visto e quello che abbiamo udito, siamo partiti come Bilbo, un po' scettici, siamo tornati diversi, un pochetto cambiati. E per questo ringraziamo.




Inviato da iPhone

mercoledì 10 agosto 2016

Un aforisma al giorno

An adventure is only an inconvenience rightly considered. An inconvenience is only an adventure wrongly considered.

Gilbert Keith Chesterto

martedì 9 agosto 2016

lunedì 8 agosto 2016

Il premio Outline of Sanity è stato assegnato a Marco Sermarini

Il nostro presidente Marco Sermarini ha ricevuto dalla Società Chestertoniana Americana l'Outline of Sanity Award, che viene assegnato a chi si distingue nel perseguire il distributismo ed il pensiero di Chesterton nel mondo.

Una bella soddisfazione per i Chestertoniani italiani!

È una bella occasione per rinsaldare i già solidi legami con gli amici americani in vista della "eternal revolution".

Un aforisma al giorno

G. K. Chesterton (@GKCDaily)
If the whole world was suddenly stricken with a sense of humour it would find itself mechanically fulfilling the Sermon on the Mount.




Inviato da iPhone

venerdì 5 agosto 2016

Mark Pilon parla di Chesterton e Flannery O' Connor

I fantastici numeri di DaLe Ahlquist

Dale è l'uomo più simpatico della terra... La Conference varrebbe la pena di essere partecipata anche solo per la sua presenza!

Inizia la Chesterton Conference

giovedì 4 agosto 2016

Preparativi per la Conference

Dale e gli amici americani stanno lavorando sodo per stasera.

La sala dove si terrà la Conference

È una delle sale della Slippery Rock University, in Pennsylvania.

Il programma della Chesterton Conference di Slippery Rock, Pittsburgh

Grandi interventi!
Il nostro presidente parlerà dopo Dale proprio oggi.

mercoledì 3 agosto 2016

Il nostro presidente alla American Chesterton Conference

Domani 4 Agosto 2016 inizia la 35^ Chesterton Conference organizzata dalla American Chesterton Society, guidata dal nostro amico Dale Ahlquist. Durerà fino al 6.

Tra i relatori ci sarà anche il nostro presidente Marco Sermarini che dovrà relazionare sul tema The Universal Chesterton, ossia il Chesterton universale. Sarà anche l'occasione per parlare del rapporto tra Chesterton e l'Italia, un rapporto lungo e fecondo, oggi più che mai.

È l'occasione per rendere la visita che Dale fece in Italia lo scorso anno per il Chesterton Day e per rinsaldare i vincoli fraterni che legano le due società ed anche le due Scuole Chesterton, quella di San Benedetto del Tronto e quella di Edina, Minnesota.

Molti amici americani potranno conoscere il nostro lavoro su Chesterton e la missione di fare conoscere tutto il suo pensiero.

È una bella cosa e ne ringraziamo Nostro Signore.

martedì 2 agosto 2016